Al museo di Nariwa dell’architetto Takao Ando, l’esistenza in movimento

Il museo d’arte di Nariwa, opera dell’architetto Tadao Ando, si trova nella regione di Okayama e più precisamente nella città di Takahashi. Costruito nel 1994, il museo non ospita, al momento, una collezione permanente ma mostre temporanee.

Continua a leggere “Al museo di Nariwa dell’architetto Takao Ando, l’esistenza in movimento”

Diario di viaggio sulla Izumo kaidō: seguendo l’argine del fiume Hino

Lasciato il tempio Anyoji di cui vi ho parlato nel post precedente l’antica via di comunicazione Izumo kaidō , che sto percorrendo a tappe, si perde fra la campagna per poi fondersi con la strada nuova sull’argine del fiume Hino.

Continua a leggere “Diario di viaggio sulla Izumo kaidō: seguendo l’argine del fiume Hino”

Sugaya-sannai, l’ultimo villaggio della tatara del Giappone

Nella città di Unnan, nel profondo entroterra della regione di Shimane, si trova un piccolo villaggio (Sugaya-sannai) dove dal 1751 al 1921 fu prodotto acciaio con la tecnica tradizionale della tatara.
Il sannai è il villaggio attorno al takadono cioè all’edificio al cui interno c’era la fornace.

Continua a leggere “Sugaya-sannai, l’ultimo villaggio della tatara del Giappone”

Al tempio di Anyoji riposa una principessa nel silenzio della campagna

Il tempio buddista di Anyoji è sicuramente uno di quei piccoli templi poco conosciuti del Giappone che celano una storia degna di essere raccontata.
Il tempio si trova in un villaggio immerso nel verde della campagna ed è a pochi metri dalla Izumo kaidō, l’antica strada che ho percorso alla ricerca di ciò che è rimasto dei tempi passati.

Continua a leggere “Al tempio di Anyoji riposa una principessa nel silenzio della campagna”

L’Hina matsuri oggi: come è cambiato rispetto al passato.

In Giappone, il tre di marzo, si celebra l’Hina matsuri: una festa attraverso cui si augura salute e felicità alle bambine e una delle cinque antiche feste stagionali del Giappone di cui abbiamo già visto Tanabata e la festa del crisantemo.

Nei giorni che precedono l’Hina matsuri, le famiglie in cui ci sono bambine, espongono in casa le Hina, cioè degli oggetti a forma di bambola atti ad attrarre e ad ospitare temporaneamente i kami protettori della casa. In cambio dell’ospitalità i kami tuteleranno la crescita e la salute delle bambine.

Continua a leggere “L’Hina matsuri oggi: come è cambiato rispetto al passato.”